Sito ufficiale per il turismo in Svezia

Evening swim, Västra hamnen
foto: Werner Nystrand/Folio/imagebank.sweden.se

Consigli

I giallisti della costa occidentale

Omicidio e mistero aleggiano sulla costa occidentale della Svezia, per lo meno nei libri degli scrittori svedesi di gialli Camilla Läckberg, Åke Edwardsson e Ann Rosman. Le opere della Läckberg sono ambientate a Fjällbacka, paesino grazioso da morire posto 140 km a nord di Göteborg, sulla costa della provincia svedese del Bohuslän. "Secondo un semplice calcolo - scherza Camilla Läckberg - poiché in ogni libro vengono assassinate due persone, con una popolazione di 1.000 abitanti, dovrei scrivere 500 libri per far fuori tutto il paese…". Buona notizia per i fan della Läckberg, cattiva notizia per la gente del posto.

Fjällbacka

Sarebbe un vero delitto non venire a Fjällbacka, soprattutto se si è fan dei libri di Camilla Läckberg. Se ti servono indizi su cosa fare qui continua a leggere. La costruzione del paese risale al XVII secolo, ed è famoso in Svezia per le sue strade acciottolate, le tipiche rimesse per barche color rosso e i fantastici crostacei della costa occidentale, per la verità famosi in tutto il mondo. In estate salta su una delle barche che costeggiano il porto per una gita al gruppo di isole Väderörna, parte dell'arcipelago del Bohuslän. Soprattutto se sei amante della pesca. Oppure vieni in autunno (da fine settembre a fine novembre) per tirare su qualche ottima aragosta dal Mare del Nord dela costa occidentale. 

La trama è la seguente: Stora Hotellet a Fjällbacka organizza un safari all’aragosta con un capitano di mare esperto che sa dove trovare forse le migliori aragoste del pianeta. Una volta al largo ti mostrerà come preparare e sistemare le gabbie per la cattura. Poi si torna a Stora Hotellet a bollire, grigliare e divorare il pescato. A Tanum, sito del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, si può fare un po' di pratica investigativa, cercando di capire cosa provano a dirci gli svedesi dell’Età del Bronzo nelle loro pitture e incisioni rupestri dai colori brillanti, risalenti a circa 3.000 anni fa.

In questo momento si stanno girando le scene che daranno vita ad un film e una serie di telefilm ispirati ai gialli della Läckberg, gli Omicidi tra i fiordi.

Göteborg

Se la serie dei romanzi criminali di Åke Edwardsson, con il commissario Winter, sempre vestito a puntino, cuoco provetto e amante del jazz, è fiction divenuta best seller, non c'è invece nulla di finto nella città di Göteborg, dove le storie sono ambientate. Se la 'O' sta per “omicidio” nei libri Edwarsson, la 'C' sta per“cibo” a Göteborg. Scegli tra cinque ristoranti con una stella Michelin e molti graziosi ristorantini, brasserie e bistrot a prezzi medi, o altri locali più economici in giro per la città. Cenare all’aperto è la regola in estate, quando i ristoranti e i bar della città si riversano sulle strade. Secondo l’impareggiabile esperienza del commissario Winter non devi far altro che sederti a un tavolino all’aperto in uno dei tanti posticini giusti lungo le vie, ordinare un leggendario panino ai gamberetti di Göteborg, e immergerti in uno dei thriller del grande Edwardsson.

Misteri isolani

L’isola di Marstrand, nella parte settentrionale dell'arcipelago occidentale, è il luogo in cui  la scrittrice svedese di gialli Ann Rosman ha scelto di ambientare il suo nuovo lavoro  “Fyrmästarens dotter” (“La figlia del guardiano del faro”). Si tratta della prima parte di una serie ambientata a Marstrand, che ha per protagonista la poliziotta Karin Adler. Il libro non è ancora stato tradotto in italiano, ma è in preparazione in altre cinque lingue. Riuscirà la Rosman a entrare nelle fila dei maghi svedesi del thriller, autori di bestseller conosciuti in tutto il mondo, come Stieg Larsson, Henning Mankell (Wallander), Åke Edwardsson (Commissario Winter) e Camilla Läckberg (La principessa di ghiaccio)?

La Marstrand che troviamo nell’opera della Rosman è un idillio isolano color blu, giallo e verde pastello, con edifici in legno di un bianco abbagliante che avvolgono l’intero abitato, fin su alla secentesca fortezza di Carlsten, che sovrasta la città. Il bello è che la realtà è esattamente così come viene descritta! Tutto l'anno ci sono visite guidate alla fortezza, che organizza anche cene, pranzi storici e rievocazioni storiche. Sali in cima alla fortezza per una fantastica vista sulla città, il suo arcipelago e le centinaia di imbarcazioni che partecipano ai numerosi eventi di vela e regate internazionali. Oppure semplicemente visita le gallerie e i negozi che vendono oggetti d’arte e artigianato locale. Per gustare le prelibatezze tipiche della costa occidentale è il caso di provare Grannens Kök, al molo accanto al terminal dei traghetti. Per sperimentare una ricca colazione da marinaio non c’è bisogno di cercare molto lontano, basta entrare al Bergs Konditori sulla Hamngatan.

Da Marstrand si può fare anche una gita in barca alle isole Nidingen, Hållö e le isole Koster, il più grande parco nazionale marino svedese, o al faro Pater Noster sull'isola disabitata di Hamneskär. Il faro Pater Noster, dal caratteristico colore rosso, compare nel libro della Rosman per tutte le ragioni sbagliate. Invece tu vai lì per tutte le ragioni giuste e pernotta nella casa del guardiano. Quel che si dice allontanarsi da tutto.



Come arrivare qui

Per gli amanti di isole e gialli